Kingsbox atleti

Jessica Stigliani

Mi chiamo Jessica Stigliani, sono di Trieste, città in cui le novità arrivano sempre in ritardo e, come il resto, anche il Crossfit si è fatto attendere un po di più.

Il CrossFit è diventato parte della mia vita circa 2 anni fa, periodo in cui mi dedicavo alla Boxe, quando il mio allenatore di canottaggio mi propose di provare un allenamento nuovo, una cosa che sicuramente mi avrebbe entusiasmata. Lo provai e me ne innamorai.

I miei Risultati

4. Posto Italian Showdown 2016
3. Posto Battle of Stars 2016

Intervju z atletom

I professionisti non hanno niente di più di quello che hanno i dilettanti come me, ma "i professionisti sono dilettanti che non hanno mollato"

Pokaži intervju

Buongiorno Jessica! Presentati ai nostri lettori.

Ciao a tutti!

Intanto mi presento: mi chiamo Jessica Stigliani, sono di Trieste, città in cui le novità arrivano sempre in ritardo e, come il resto, anche il Crossfit si è fatto attendere un po di più.

Sport che hai praticato in passato o che pratichi ora?

Sono sempre stata educata allo sport, i miei genitori mi hanno permesso di provare tutto quello che mi piaceva: tuffi, ginnastica artistica, tennis, sci di fondo e alpino, pugilato, e molti altri. Ho avuto soddisfazioni in ciascuno di questi sport anche se non ho mai sfondato veramente. Dopo qualche tempo cominciavo però a guardarmi intorno, in cerca di nuovi stimoli, c’era sempre qualcosa che mi mancava.

Come e quando hai sentito per la prima volta dell’allenamento funzionale e Crossfit? Da quanto ti alleni?

Il Crossfit è diventato parte della mia vita circa 2 anni fa, periodo in cui mi dedicavo alla Boxe, quando il mio allenatore di canottaggio mi propose di provare un allenamento nuovo. una cosa che sicuramente mi avrebbe entusiasmata. Lo provai e me ne innamorai.

Si, la reazione iniziale forse fu come le altre volte, ma il seguito no. Oggi ho ancora lo stesso entusiasmo del primo giorno, non mi guardo più in giro alla ricerca di qualcosa di nuovo: certo, sono ancora entusiasta all’idea di provare nuovi sport, ma non lascerei il Crossfit  per dar spazio a qualcos’altro.

Questo perché il Crossfit non è uno sport, Crossfit sono tanti sport: ogni giorno nuove sfide, nuovi esercizi e sopratutto diverse combinazioni degli stessi. Crossfit è l’antitesi della monotonia.

Quante ore al giorno ti alleni?

Mi alleno 5 o 6 giorni alla settimana, in genere 2 volte al giorno, combinando gli allenamenti con l’orario di lavoro. La prima sessione all’alba, e la seconda nella pausa pranzo. Al momento il nostro box consiste in un appartamento sito al primo piano con tutte le limitazioni che ne conseguono, ma teniamo duro.

Hai un coach o ti alleni da solo?

Ho un coach, Giulio, che a causa degli orari non riesce a seguirmi molto, ma mi supporta tantissimo a livello psicologico, probabilmente la parte più difficile.

Il mio grande punto di riferimento per gli allenamenti è invece il mio training-partner, Gianluca: potermi allenare con una persona più forte ed esperta mi stimola a dare di più.

Con lui ho anche imparato ad allenarmi in silenzio. Inizialmente non pensavo che avrei potuto fare a meno della musica durante gli allenamenti: ora più c’è silenzio e meglio mi concentro.

Esercizio preferito/odiato?

La parte su cui devo lavorare di più è sicuramente la pesistica, pur gareggiando nelle Rx ho dei massimali ancora bassi, mentre gli esercizi di ginnastica alla sbarra o hand stand push up sono quelli in cui vado più forte. Con grande stupore e soddisfazione ho chiuso il Fran in gara @25kg in 2’47” e successivamente a casa @30kg in 2’46”.

Segui una dieta specifica come Paleo? Quanto credi che sia importante la nutrizione?

So per certo che la nutrizione gioca un ruolo fondamentale in questo sport, come in tutti gli altri: personalmente non ho ancora trovato l’equilibrio giusto ma sto lavorando anche su questo aspetto.

A quali gare parteciperai questanno e quale è il tuo obiettivo 2016/2017

La competizione più importante a cui ho partecipato quest’anno è stata l’Italian Showdown nella quale mi sono classificata quarta, la Battle of Stars – terza, seguita dalla Crese Crossfit Challenge organizzata dal mio coach. In previsione al momento ci sono i Gr1ps Venice games. Da decidere ancora le tappe successive, dovrò far combaciare il tutto con gli impegni lavorativi.

Il mio obiettivo al momento sono i Regionals, so cosa devo fare e affrontare per arrivarci, sono determinata e ce la metterò tutta.

Segui una dieta specifica come Paleo? Quanto credi che sia importante la nutrizione?

La nutrizione per me è importantissima ma non seguo una dieta specifica anche se prediligo la paleo.

Che consigli daresti a tutte le persone che vogliono iniziare a fare il CrossFit?

Non do suggerimenti alle persone che vogliono iniziare a fare Crossfit, perché sono già sulla strada giusta. Voglio dare un consiglio a chi invece lo critica e denigra: provatelo.

Crossfit non è un marchio di fabbrica o una moda, il Crossfit non è l’invenzione del secolo o un gioco. Crossfit è la vita di tutti i giorni: il Crossfit costruisce e prepara il fisco per affrontare qualsiasi situazione, per creare uno stato di benessere generale. Il fatto di mettersi alla prova nelle competizioni è una scelta personale: lo si può fare a qualsiasi livello, e ad ogni livello saprà dare le giuste soddisfazioni e benefici.

Ultima domanda. Un messaggio, un pensiero, per i lettori di KingsBlog.

Chiudo con una frase del mio psicologo-coach, che in uno dei miei momenti di sconforto mi ha guardata e mi ha detto che i professionisti non hanno niente di più di quello che hanno i dilettanti come me, ma che “i professionisti sono dilettanti che non hanno mollato”.

Colgo l’occasione per ringraziare i miei sponsor Kingbox, Skullfit e Prometek, il mio coach, il mio compagno di allenamenti, la palestra Crossfit Audace Trieste, e tutte le persone che mi supportano e sopportano ogni giorno!

Klubsko članstvo

Raziščite Kingsbox ponudbo in si zagotovite članstvo v klubu Royal Family